Papaccelle ripiene

Download PDF

Papaccelle ripiene

peperoni imbottiti

Buongiorno a tutti,  oggi vi propongo una ricetta  tipica della mia terra: le papaccelle ripiene.
La papaccella e’ un tipo di peperone tipico campano. La sua forma corta e arricciata e il suo sapore dolce lo presta ad essere usato sia fresco che fritto in padella. A differenza del peperone ripieno questa ricetta richiede molto meno tempo per la preparazione. Le papaccelle  quelle piccole vengono usate anche per essere messe sott’aceto. La papaccella sott’aceto e’ un ingrediente fondamentale per preparare l’insalata di rinforzo: piatto tipico napoletano a base di cavolfiore e sottaceti che si prepara a Napoli la vigilia di Natale.

Ricetta:

  • 4 papaccelle
  • pane raffermo
  • 2 melanzane
  • 20 gr di capperi
  • 15 olive nere
  • 1 uovo
  • parmigiano grattugiato
  • sale
  • pepe
  • olio evo

Preparazione:

Innanzitutto lavare le melanzane tagliarle a dadini e friggerle in abbondante olio.

Poi tenerle da parte. Prendere una terrina riempirla d’acqua e mettere in ammollo il pane. Lavare le papaccelle,  asciugarle bene,   togliere la calotta superiore con un coltello e privarle dei semi interni.

Poi prendere il pane ben strizzato e metterlo in una ciotola capiente.
 Infine al composto di pane aggiungere l’uovo, i capperi, le olive denocciolate, le melanzane fritte, il parmigiano , il sale e il pepe. Con  l’aiuto di una forchetta o se preferite con le mani amalgamate il tutto in modo omogeneo.
Riprendere le papaccelle e riempirle con il composto ottenuto fino ai bordi.
papaccell 'mbuttunat
 Poi sistemare le papaccelle in una pirofila da forno versare l’olio senza esagerare e aggiungere 2 dita di acqua.

Infornare a 200 gradi per circa 1 ora. Se volete potete aggiungere anche del pane grattugiato . Vi raccomando durante la cottura di irrorarle ogni tanto con il proprio sugo. Vi assicuro che sono davvero semplici da preparare e gustose da mangiare. Servire le papaccelle tiepide.

Questo piatto puo’ essere preparato anche con un certo anticipo e poi essere riscaldato quel tanto che basta per non mangiarlo completamente freddo.

2747 Total Views 1 Views Today